Notizie Flash

  • Nomination ToyAwards 2020: c'Ŕ anche Mystery House!

    Come ogni anno, poco prima della Spielwarenmesse, il più importante evento fieristico per l’industria del del gioco e del giocattolo al mondo che si tiene da oltre sett’antanni a Norimberga, vengono annunciati i finalisti del ToyAward, il premio che riconosce i titoli più innovativi nella sconfinata offerta che i produttori si preparano a lanciare per questo 2020. Come sempre ci fa molto piacere segnalare le occasioni in cui tra i nominati compaiono anche i nostri amati boardgame. E quest’anno ci fa ancora più piacere, perché a concorrere nella categoria Teenager & Adulti, troviamo anche un prodotto nostrano: Mystery House, di Cranio Creations!
    L’innovativa “escaperroom” da giocare nella scatola, ideata da Antonio Tinto, se la dovrà vedere con la versione Braille dello storico UNO di Mattel e Proxi: il robot programmabile della Kosmos.
    Per sapere chi vincerà , dovremo attendere la cerimonia di apertura della Spielwarenmesse fissata per il prossimo 28 gennaio.

  • Il Colt Express di Ludonaute diventa Super

    Con un rapido annuncio sulla sua pagina facebook di bandiera, Ludonaute ha reso noto una delle sue prossime novità. Il nome è di quelli grossi perché si tratta ancora una volta di Colt Express.
    No, niente espansioni stavolta: il titolo che si legge sulla scatola recita Colt Super Express e, a quanto pare, si tratta di una nuova versione dell'apprezzatissimo family game di Cristophe Raimbault (localizzato da Asmodee in Italia), capace nel 2015 di portarsi a casa la doppietta Spiel des Jahres e Gioco dell'Anno.
    Questo nuovo gioco, firmato dallo stesso Raimbault in tandem con Cédric Lefebvre, ci riporta ancora nel selvaggio west a vivere l'assalto al treno, ma stavolta in modo ancora più rapido e frenetico e con una differenza nell'obiettivo tanto semplice quanto profonda: non vincerà più il più ricco, ma chi riuscirà ad arrivare vivo alla fine del percorso.
    Stando a quanto abbiamo potuto vedere sinora, tra i materiali della scatola sparisce il treno tridimensionale, il tempo di gioco scende a quindi minuti, per un prodotto che, immaginiamo, sarà di dimensioni (e prezzo) più contenuti.

  • Duelli nel cosmo: Cosmic Encounter si fa Duel!

    Con poche probabilità di smentita, possiamo dire che Cosmic Encounter è uno dei giochi più ristampati della storia ludica. Con tante edizioni all'attivo, alcune decisamente più brillanti di altre, il classico gioco che fa a pezzi le sue stesse regole è stato, e probabilmente è ancora, uno dei titoli "light" più giocati al mondo. Però forse il difetto maggiore del gioco stava nella sua poca adattabilità al gioco a due.

    Niente paura, fanatici delle assurde razze di Cosmic Encounter! La Fantasy Flight Games ha appena annunciato la prossima uscita di Cosmic Encounter Duel! Ora due giocatori potranno scegliere tra ben ventisette nuove specie aliene per duellare uno contro l'altro: al vincitore il galattico onore di far parte del Consiglio Galattico, appunto. Al perdente? Il gelo delle vuote distese del cosmo. Lo scopo del gioco resta sempre quello: vince la prima specie che riesce ad avere 5 basi sui pianeti scoperti. Però le differenze tra questo Duel e il vecchio Cosmic Encounter sono più delle somiglianze. Per esempio, ora ci sono tre diversi tipi di carte Destiny: le Discovery ci faranno trovare un pianeta su cui duellare, mentre le Event ci metteranno di fronte a calamità galattiche, e le Refresh ci permetteranno di recuperare carte e astronavi. Oltre a decidere segretamente quante navi mandare in un duello, dovremo anche cercare di farci amici gli inviati di altre specie, e scegliere (sempre in segreto) una tattica da usare in battaglia insieme a una carta dalla nostra mano. Il resto, come si dice... è storia galattica finché uno dei due contendenti non avrà la sua quinta base: lì sarà game over, al vincitore gli onori, al perdente... l'oblio.

    Cosmic Encounter Duel sarà disponibile entro aprile 2020, insieme con un tappeto di gioco appositamente disegnato. E chissà se ci aspetta anche la versione italiana di questo nuovo Incontro Cosmico!

  • Dalla nave Ghenos si intravede finalmente l'isola dei dinosauri

    Con un rapidissimo annuncio lanciato sulla loro pagina facebook, Ghenos Games ha finalmente ufficializzato per la fine del mese l'arrivo nello Stivale di Dinosaur Island, l'attesissimo titolo di Jonathan Gilmour e Brian Lewis edito in originale da Pandasaurus Games che, fin dalla sua prima apparizione su kickstarter, non ha fatto altro che far parlare ottimamente di sé.
    Nel gioco, da uno a quattro partecipanti si cimenteranno nella realizzazione del miglior parco divertimenti a base di dinosauri, cercando di ricombinare le corrette sequenze di DNA e riportarli così in vita.
    Sapevamo già dalla scorsa Spielwarenmesse che l'editore milanese ci stava lavorando, ma non possiamo nascondere la sorpresa che ci ha generato questa notizia, dato il lungo silenzio al riguardo durante l'anno.
    In ogni caso, l'opera darà certamente il suo contributo nel rendere decisamente interessante il periodo invernale per la casa meneghina che aveva già annunciato il ritorno di Wingspan e l'uscita di Draftosaurus (di Antoine Bauza, Corentin Lebrat, Ludovic Maublanc e Théo Rivière per Ankama).

  • Anche Repos Production si unisce alla galassia Asmodee

    Sempre fedele alla sua rampante politica di scalate, in un'ottica di continua espansione nel mercato, Asmodee ha da pochissimo annunciato l'acquisizione di Repos Productions.
    Anche il celebre editore belga, noto per numerosi titoli campioni di vendite come il fresco vincitore dello Spiel des Jahres Just One, 7 Wonders (Kennerspiel des Jahres 2011), Ca$h 'n Guns, Concept e tanti altri, entra dunque a far parte della "grande famiglia" della multinazionale.
    Entrambe le parti si dichiarano soddisfatte dell'operazione, reputandola la più logica evoluzione delle solide partnership già in piedi tra loro in diversi Paesi, e vedendola foriera di numerose nuove opportunità che certamente potranno scaturire dalle nuove sinergie che verranno a crearsi.
    Contestualmente all'operazione, Cédrick Caumont lascerà Repos e si cimenterà con la sfida di Captain Games, un nuovo design studio indipendente, mentre l'altro co-fondatore della casa del sombrero, Thomas Provoost entra nel gruppo Asmodee come Coordinatore dei vari studios, con mansioni di coordinamento nell'ottica di ottimizzare la strategia editoriale del gruppo.
    Il "nuovo corso" di Repos Production sarà ora guidato da Thomas Vermeir, consulente di lungo corso dell'editore, insieme a Géraldine Volders.
    Insomma, un'operazione decisamente importante per la multinazionale vista l'entità della realtà acquisita (il suo catalogo conta a oggi 55 giochi prodotti e distribuiti in tutto il mondo), che immaginiamo avrà importanti ripercussioni negli equilibri del mercato.

Altre Notizie Flash