Notizie Flash

  • A Lucca 2019 i nuovi progetti di CMoN passano anche per la nona arte

    Una delle principali caratteristiche di Cool Mini or Not risiede nell'approccio al business, costantemente orientato all'evoluzione e modernizzazione dei propri asset.
    I franchise ideati dall'editore sono uno di questi: divenuti famosi grazie all'efficacia dei prodotti per i quali erano nati, oggi sono talmente tanto maturi da poter "scavalcare" il confine dell'ambito ludico e approdare anche in settori diversi.
    Ebbene, come già noto a chi sta seguendo gli aggiornamenti legati all'ormai imminente Lucca Comics & Games 2019, la creatura di David Preti ha annunciato di aver intrapreso un nuovo progetto editoriale in collaborazione con i fumettisti Luca Enoch e Stefano Vietti - autori della saga bonelliana Dragonero - per la realizzazione di tre graphic novel ambientate negli universi di Zombicide, Zombicide: Invader e Cthulhu: Death May Die.
    Gli albi passeranno per una campagna di crowdfunding prevista per il 2020, contestualmente alla quale saranno lanciate anche miniature esclusive per riprodurre in gioco le stesse avventure dei fumetti.
    In attesa del lancio, durante la kermesse toscana, allo stand CMoN verrà distribuito gratuitamente (fino a esaurimento scorte) un numero zero con copertina esclusiva di Marco Cecchetto. D'altronde uccidere zombi, alieni o Antichi stanca…e cosa c'è di meglio per rilassarsi di una sana lettura?

  • Botta e risposta di acquisizioni tra Hachette e Asmodee

    Alle porte della trentaseiesima Essen SPIEL, arrivano due annunci che molto probabilmente impatteranno sull'attuale status quo degli equilibri tra i player del settore.
    In primis, Hachette ha da pochissimo reso noto di essere entrata nel vivo delle trattative per l'acquisizione di Blackrock Games - attualmente il terzo distributore in Francia con un catalogo di 400 titoli annui da 30 editori - con l'obiettivo dichiarato di rafforzare la sua posizione nel settore dell'intrattenimento per famiglie, considerato molto prossimo a quello dell'editoria classica.
    A questa operazione fa eco Asmodee, la quale invece ha comunicato di aver acquisito lui-même, produttore noto per la qualità dei suoi party game come il recente Snow Time, allo scopo di consolidare il suo ruolo di leader per quanto riguarda la produzione dei party e family game, considerati strategici per la multinazionale.  
    Quella che emerge da queste operazioni è una situazione alla quale prestare molta attenzione: da una parte un forte player dell'editoria classica che continua ad allargarsi nel mondo del gioco analogico, dopo la precedente acquisizione di Gigamic e la fondazione al suo interno di Funnyfox  e del design studio Studio H, dall'altra una consolidata ma ancora rampante multinazionale che continua a puntare forte su certe determinate tipologie di boardgame.
    Una cosa è certa, a prescindere dalle conseguenze di questo momentaneo braccio di ferro, giocare da tavolo sarà mainstream grazie ai party e ai family game.

  • Oath - il nuovo ambizioso titolo di Cole Wehrle per Leder Games

    È notizia di pochi giorni fa che Cole Wehrle (l'autore di Root) è tornato al lavoro per un nuovo titolo che verrà prodotto a marchio Leder Games. Oath: Chronicles of Empire and Exile - questo il suo titolo - si presenta come un'opera ambiziosa che, secondo quanto dichiarato dall'autore stesso, si propone di dare ai giocatori un'esperienza che si evolve nell'arco di varie generazioni, come una campagna senza però ricadere nel novero dei titoli legacy, oppure in quelli per cui lo sviluppo delle vicende è scritto a monte.
    Il gioco pone da 1 a 5 partecipanti al comando di fazioni che cercano di mantenere il dominio su di un antico mondo, oppure tentano di sovvertirne lo status quo, e le conseguenze degli atti compiuti su di una partita modelleranno le successive, in modo da offrire l'impressione dello scorrere dei secoli.
    Purtroppo, al momento, non si conoscono ulteriori dettagli se non che le illustrazioni saranno ancora una volta affidate a Kyle Ferrin, e che dovrebbe essere lanciato tramite una campagna kickstarter auspicabilmente nella prima parte del prossimo anno.
    Vien da sé che staremo molto attenti a ogni possibile novità e sviluppo in merito.

  • E ora Carcassonne si espande con le mappe

    Pensavate che per espandere Carcassonne fosse obbligatorio aggiungere tessere? Ebbene, alla Hans im Glück non concordano e sono invece in procinto di lanciare per l'imminente Essen Spiel Carcassonne Maps, una collezione di mappe in formato A1 pregevolmente telate.
    Stavolta, l'idea per dare ancora nuova linfa al titolo "icona" di Klaus-Jürgen Wrede, è quella di sfruttare le tile del gioco classico tramite piazzamenti che ricalcano la geografia di paesi specifici, cercando di partecipare alla realizzazione delle principali città e vie di comunicazione locali. Il tutto, ovviamente, con ulteriori modi per conseguire punteggi.
    Ma non è finita, perché assieme alle mappe sarà anche disponibile una collezione di gettoni che implementano ulteriori varianti alla suddetta espansione.
    Alla fiera teutonica potremo trovare il Benelux, la Germania, la Francia e la Gran Bretagna, ma se l'esperienza ci insegna qualcosa su Carcassonne, non ci stupiremo qualora ne arrivassero molte altre.

  • Terminator Dark Fate: the Card Game - in fuga dal Gen-9 con River Horse

    Un nuovo capitolo della collezione dei giochi dedicata a Terminator è in arrivo da River Horse. È stato infatti annunciato da poco Terminator Dark Fate: the Card Game, un titolo cooperativo da 2 a 4 giocatori che va ad arricchire la già nutrita serie di titoli dell'editore ispirata a uno dei più famosi cyborg del grande schermo.
    In questo gioco basato su meccaniche di deckbuilding, i partecipanti dovranno cooperare per sfuggire all'inarrestabile Gen-9 e recuperare armi e oggetti per difendersi, fintanto che non riusciranno a trovare un modo per sconfiggerlo definitivamente.
    La scatola è attualmente in preordine sul sito della casa editrice ed è programmato in uscita nella porzione finale dell'anno.
    Carichiamo quindi i nostri fucili. Siamo sopravvissuti al giorno del giudizio, ma a quanto pare quello non era nulla a confronto del Gen-9.

Altre Notizie Flash