Primo piano: Dhakajaar: Panini Comics e Need Games uniscono fumetto e gioco di ruolo

Se cercate la parola Dhakajaar su Internet, probabilmente non troverete ancora nulla perché il nome del progetto transmediale che unisce gioco di ruolo e fumetto e che vede coinvolti in prima linea Panini Comics e Need Games, è stato rivelato solo ieri sera durante una live online dell’editore modenese.




Cogliendo di sorpresa pubblico e critica, Nicola Degobbis è intervenuto durante il talk show per annunciare, insieme a Matteo Casali, firma nota nel panorama fumettistico nazionale e internazionale, l’avvio dei lavori per il progetto Dhakajaar, un fumetto di genere fantasy, scritto da Casali stesso e illustrato dalla giovane Federica Croci che conterà nelle sue pagine anche un gioco di ruolo ideato appositamente per portare al tavolo le storie appena lette. Ad occuparsi della parte tecnica è stato coinvolto Helios Pu, talento del game design italiano (finalista nel GDR dell’anno con Be-Movie, e nella top 5 di ioGioco con Kaiser 1451) che sta sviluppando un sistema di gioco originale, simpaticamente soprannominato “Panini System”, che estraendo le tematiche del fumetto, incentrate su segreti e misteri, ha lo sfidante compito di catturare l’interesse tanto dei giocatori abituali quanto dei lettori del fumetto che vogliono cimentarsi per la prima volta con il gioco di ruolo.

Da quanto emerso, Dhakajaar sarà un fumetto fantasy che si distingue dai canoni classici, due protagonisti (un omaggio a Mark Twain) che agiscono in mondo low fantasy in cui rivestono particolare importanza le differenze culturali tra le popolazioni e dove è stata dedicata particolare attenzione alla magia e al worldbuilding nel complesso, arrivando fino alla cura dei dettagli linguistici. Al momento il piano dell’opera prevede 3 volumi autoconclusivi ma con forti legami tra loro dove nel primo, intitolato “La Caccia”, circa un terzo del volume sarà occupato da un’introduzione al gdr, il regolamento base e la creazione dei personaggi. Nel secondo figureranno approfondimenti sul ruolo del master sull’ambientazione, mentre il terzo conterrà l’immancabile bestiario. Ovviamente saranno presenti anche avventure pronte giocate e sarà anche possibile ambientare le nostre avventure in momenti diversi dell’arco narrativo del fumetto.

Dopo quello di Bonelli con Il Confine, l’annuncio di questo progetto transmediale, previsto per il 2021, apre scenari nuovi sul mercato italiano, un'iniziativa che potrebbe determinare un allargamento della base e portare nuova linfa nel settore. Un progetto che coinvolge l’eccellenza nei rispettivi campi: un dream-team di tutto rispetto che può darci buone garanzie della qualità finale del prodotto.